Dove dormire a Torino: la Suite dello Scrittore

E’ la prima volta che visito Torino ed è la prima volta che mi affido ad Airb&b nella scelta della casa dove soggiornare per le vacanze. Pur trovando una grande idea quella di condividere seconde case o case vancanza, ero un po’ scettica riguardo al servizio proposto da Airb&b, ma
poi alla fine mi sono lasciata convincere a provare dalle tante conferme positive arrivate da amici e parenti.

E devo dire che mi sono trovata davvero bene: l’appartamento scelto si chiama La suite dello scrittore e fa parte di un gruppo di appartamenti di proprietà di mamma e figlia, Francesca ed Elena, sparsi per la città e tutti chiamati “Suite”.

Dove dormire a Torino
Dove dormire a Torino

Tra le Tosuit (questo il loro sito ufficiale www.tosuit.net ) quella dello Scrittore è la più piccola ma è davvero una bomboniera: pulita, accogliente e molto graziosa nei suoi 40 mq totali. 

L’arredamento è minimal nei toni del legno scuro, nero e del giallo sapientemente raccordati da tanto bianco con uno stile urban che si fa romantico in camera da letto caratterizzata dalla bella scritta in testata.
La cucina, piccola e compatta, è dotata di tutti gli utensili necessari per cucinare (c’è anche il forno) e non mancano nell’ambiente living i dettagli di stile come il lampadario scheletrato o la bella macchina da scrivere Olivetti Lettera 32 omaggio al nome della Suite (dello scrittore) e al
genio di Olivetti che di Torino e Ivrea era l’anima negli anni 60 del 900.
Si vede che Francesca è architetto e ha seguito personalmente la ristrutturazione!

Dove dormire a Torino
Dove dormire a Torino

Il silenzio permette di dormire tranquillamente (i serramenti sono nuovi e a tenuta ma non si  sentono nemmeno rumori provenienti da altri appartamenti) e il contesto è davvero tranquillo,  il centro si raggiunge comodamente con una passeggiata cittadina di circa 20 minuti mentre la
Mole dista appena 12 minuti a piedi.

Il quartiere è Vanchiglia, non troppo centrale per essere caotico nè troppo periferico per essere  isolato, ma anzi ben posizionato anche per quanto riguarda i mezzi pubblici (tram 15 e autobus 30 e 55 passano sotto casa) e con grandi  edifici storici a blocco che segnano tutta la zona con raffinata eleganza da vecchia signora  quale è Torino.
Elena si è rivelata una Host gentile e premurosa, ma molto discreta e ci ha accolto con puntualità al nostro arrivo esattamente come concordato.

Dove dormire a Torino

Qualche dettaglio in più che fa la differenza (molto positiva) con altri appartamenti: in frigo  troverete all’arrivo acqua fresca e succo di frutta, la colazione è offerta da Tosuit e prevede  fette biscottate, brioche, infusi e caffè Lavazza in cialde da preparare con la macchina del caffè  A modo mio (non l’avevo mai provata e me ne sono innamorata! la comprerò anche per casa mia!), il cassetto delle posate è molto ben fornito e comprende anche coltelli (che tagliano!!) di varie dimensioni e forbici, una spatola e anche le presine.

Dove dormire a Torino
Tosuit, la suite dello scrittore

Da sottolineare anche che il Carrefour è proprio dietro l’angolo (in via Giulia di Barolo) ed è perfetto per le piccole spese quotidiane se si vuole cucinare in casa.

Dove dormire a Torino

Sono stata davero bene nella Suit dello scrittore e la consiglio a tutti e se dovessi tornare a
Torino contatterò sicuramente Elena, Francesca e le Tosuit.

Suite dello scrittore

via Vanchigli 39, Torino

Prezzo per notte 60 € – mq 40 

Perfetto per due persone.

Si può prenotare dal sito internet

https://www.tosuit.net/

Da Booking

https://www.booking.com/hotel/it/suite-dello-scrittore.it.html

o da Airb&b

https://www.airbnb.it/rooms/29599565

Architetto, insegnante di storia dell'arte, vegetariana e viaggiatrice. Questo è il mio spazio per raccontarvi la mia visione del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *