Di viole e liquirizia: cupcake a Brera

Io adoro Milano e, chi mi conosce lo sa, appena posso  ci torno sempre volentieri per una mostra, per vedere un posto nuovo o rivedere qualcosa di familiare.
Questa volta l’occasione è stata una colazione con una carissima amica di passaggio a Milano da Roma diretta a Como, sua città natale.

Il posto prescelto è uno dei miei preferiti nel quartiere di Brera (che già di per sè è tutto bellissimo!), si trova in via Madonnina e serve tra le migliori cupcake della città, il nome è ispirato al libro di Nico Orengo e lo stile è romantico metropolitano: Di viole e liquirizia.

Il locale visto dall’esterno
Deliziose cupcake per colazione

 Sono già stata al Di viole e liquirizia più volte, soprattutto quando studiavo a Brera e ho quindi già avuto modo di assaggiare molte delle loro creazioni anche se la mia attenzione se è concentrata sopratutto sui cupcake: questa volta ho assaggiato quello al cocco mentre la mia amica Serena si è lasciata tentare dal pistacchio.
Buoni davvero, consistenza perfetta, morbida e scioglievole, gusto delicato ma deciso e anche il caffè era sicuramente all’altezza.

Di Viole e liquirizia in dettaglio


Il menu prevede una serie di dolcezze fatte in casa come cheesecake e crostate ma anche una favolosa selezione di tè.

Il servizio è discreto e veloce, i prezzi sono in linea con la zona, ma, garantisco, ne vale davvero la pena!
Unica pecca, se così si può dire, il locale è davvero piccolo e, nelle ora più affollate sicuramente si riempirà alla svelta; noi ci siamo sistemate sui tavolini esterni che sono pochi ma godono di una splendida vista su via Madonnina, una delle più belle della zona.

Architetto, travelblogger insegnante di storia dell'arte e instancabile viaggiatrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *