Bassano del Grappa: cosa vedere nella città sul Brenta

Bassano del Grappa è stata davvero una bella scoperta! Una città elegante e viva, ricca si spunti storici e artistici, tutta da visitare.

Il ponte degli Alpini è sicuramente il luogo più visitato e più caratteristico di Bassano, il più ammirato e fotografato e, sicuramente, il più famoso. 

Costruito nel 1209, il Ponte degli Alpini, è considerato uno dei più caratteristici d’Italia essendo totalmente in legno e coperto; dal 1928 è dedicato a tutti gli alpini che lo attraversarono per andare a combattere sull’Altopiano dei Sette Comuni, teatro della prima guerra mondiale. 

Per fotografarlo ho scelto un luogo che offre una panoramica meravigliosa: il cortile di Palazzo Sturm che offre una visuale splendida proprio sul Ponte Vecchio o Ponte degli Alpini e sul fiume Brenta.

Palazzo Sturm, costruito a metà del XVIII secolo, ospita il Museo della Ceramica Giuseppe Roi e il Museo della Stampa Remondini e, in questo periodo, anche la mostra Albert Dürer. La collezione Remondini.

Il grande rinoceronte all’ingresso del palazzo infatti rende omaggio proprio a Dürer che non vide mai veramente il primo esemplare di rinoceronte giunto a Lisbona nel 1515, ma volle comunque rappresentare l’animale vista l’eccezionalità dell’evento e della storia.

Proseguendo la visita si arriva nella piazza centrale di Bassano del Grappa, piazza Libertà, dominata dal palazzo del Comune e dalla Chiesa di San Giovanni.

Lasciatevi affascinare dalla bellezza di queste architetture e proseguite per via San Bassiano fino a Piazza Garibaldi (il sabato in queste piazze si svolge il mercato cittadino) e poi perdetevi per via Matteotti o via Vendramini e arrivate fino al Castello degli Ezzelini.

Le parti più antiche del Castello degli Ezzelini risalgono al XII secolo e sono le parti in muratura costruite con i sassi del Brenta, successivamente furono edificate altre cinte murarie e la Torre dell’Ortazzo e le modifiche continuarono anche oltre il XV secolo, momento in cui il castello passò al dominio Veneziano.

Architetto, travelblogger insegnante di storia dell'arte e instancabile viaggiatrice

Comments (2)

  1. Un bellissimo racconto, mi hai fatto venire la voglia di andarci. Poi, quella foto del rinoceronte, davvero super!

    1. Sì davvero! Bassano è una cittadina da visitare anche se fuori dai circuiti del turismo di massa. Anche i dintorni sono favolosi: Marostica con la piazza degli scacchi, Possagno con il museo dedicato a Canova e Asolo con la villa di Eleonora Duse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *