Al Castello di Pergine Valsugana

A pochi km da Trento, la Valsugana in generale rappresenta una meta perfetta per delle vacanze rilassati all’insegna del trekking e della buona cucina. Pergine, il centro principale, è una graziosa città dalle case dipinte, ordinata e pulita, ma anche viva ed elegante, sede di moltissime manifestazioni e, quest’anno, sede del ritiro della nazionale azzurra di rugby.

Pergine Valsugana
Pergine Valsugana

Cuore del paese è la piazza comunale da cui già si scorge il castello, fiero è sicuro custode della Valsugana, dal lago di Caldonazzo fino al torrente Fersina.

Il castello di Pergine Valsugana

Il castello di Pergine Valsugana è uno dei più bei castelli del Trentino, ottimamente conservato e con un panorama stupendo davanti sulla valle sottostante dominata con grande eleganza.

Castello di Pergine Valsugana
Castello di Pergine Valsugana
Castello di Pergine Valsugana
La vista dal castello
Castello di Pergine Valsugana

Nato su un insediamento romano, il castello fu poi trasformato nel XIII secolo e rimaneggiato in veste di fortezza per essere poi, all’inizio del secolo scorso, ristrutturato nuovamente. Nel 1956 furono poi aggiunte la caffetteria e la zona albergo nell’ala più nuova. 
Oggi il castello è un albergo di charme è una location perfetta per matrimoni e ricevimenti.

Castello di Pergine Valsugana

La mostra e l’arte di Giuliano Orsingher

Ogni anno poi, il castello di Pergine Valsugana ospita mostre internazionali site specific e, quest’anno in particolare la mostra E-Vento destinata a valorizzare il castello stesso: il compito è stato affidato a Giuliano Orsingher, artista attivo dagli anni 80 e già presente ad Arte Sella che lavora e riflette sul rapporto tra uomo e natura.

Castello di Pergine Valsugana
Giuliano Orsingher
giuliano orsingher

La riflessione dell’artista si è concentrata su Vaia, la tempesta che a fine ottobre 2018 si è abbattuta sul Trentino devastando ampie zone e cambiando volto ad ampie parti del paesaggio.

giuliano orsingher

Architetto, travelblogger insegnante di storia dell'arte e instancabile viaggiatrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *