Una serata in Val Policella

La Valpolicella è una terra stupenda, tra il Lago di Garda da una parte e Verona a pochissimi km, è una zona di colline e vigne e di splendide ville e tenute vitivinicole.

Prima tappa della serata, nel comune di Negrar, è stata la superba Villa Rizzardi tenuta vinicola dove si producono Amarone e Ripasso di superba qualità ma anche splendida villa con giardino per location speciali e matrimoni.
Il complesso, con i suoi tre piani e facciate in stile classico e sobrio, si estende a ferro di cavallo attorno allo splendido giardino che impreziosisce l’edificio stesso.

E’ possibile visitare solo l’esterno e la zona degustazione perchè la villa è ancora proprietà privata, ma devo dire che lo splendido giardino di Pojega, esteso sulle proprietà Rizzardi per 54.000 mq e il panorama circostante valgono il viaggio anche per la ricchezza di varietà botaniche che si possono ammirare in tutte le stagioni dell’anno.

Il biglietto vale anche la possibilità di una degustazione e, ovviamente, non si può non portare a casa alcune di queste bottiglie ed io non sono stata da meno.

Dopo la visita a Villa Rizzardi non potete perdere una location suggestiva e tradizionale come la Locanda dal Nane, appena dietro la chiesa di San Pietro in Cariano, dove si gustare, ovviamente, cucina tipica.

La Locanda è composta da alcune sale interne e da un giardino esterno ben ventilato nonostate la serata calda l’atmosfera è informale ma gradevole e la mise en place ricercata quanto basta per apparire gradevole e invitante.
Il menù varia tra i prodotti del territorio come il risotto all’amarone, cremoso e cotto al punto giusto o il “porca l’oca“, un salume tipico accompagnato da scaglie di grana. Come dolce ho scelto la panna cotta che non ha affatto deluso.

Il servizio è rapido ma non invadente e subito pronto a fornire spiegazioni su ingredienti e menu.
Ultimo consiglio: non perdete in fondo al menu la “storia” del Nane e dei suoi gestori perchè NANE era proprio il primo proprietario.

Architetto, insegnante di storia dell'arte e instancabile viaggiatrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *