Sapori parmensi da Giorgione’s

Se siete all’autodromo o, come me, in visita ai Castelli del Ducato (ce ne sono ben due nelle vicinanze  in soli 20 km!) non potete non fermarvi a mangiare da Giorgione’s a Varano de Melegari per
assaporare la cucina parmense e godere dei piaceri della tavola.

Il ristorante è poco fuori il piccolo paese di Varano de’ Melegari, è dotato di ampio parcheggio ma si può raggiungere facilmente anche a piedi lasciando l’auto davanti al Comune o alla chiesa.

Il ristorante Giorgione’s è al primo piano mentre ai piani superiori si può soggiornare presso le camere dell’Albergo della Roccia, location suggestiva che condivide il ristorante con i visitatori esterni.

 

giorgione varano giorgione varano                                                                                     giorgione varano

 

Io ho prenotato il tavolo per domenica a pranzo ma la sala che ci ha accolti era davvero ampia e con molti coperti e, a dire il vero, non molto affollata.
L’atmosfera è ricercata, elegante e molto curata nei dettagli e nelle luci e si nota che sono stati attentamente curati e studiati anche i dettagli: colori neutri, bianco e grigio, sia per i muri che per le tovaglie, un’affettatrice manuale da esposizione, vasi di erica e molte casse in legno di vini pregiati all’ingresso.
Bello e gradevole davvero.

Il menù è tipico parmense con solo prodotti del territorio e a km zero e il cameriere, rigorosamente in divisa e davvero molto cortese e disponibile, ci ha spiegato che tutto viene preparato in cucina, dalla pasta al pane (squisito e freschissimo anche di domenica proprio perchè preparato la notte stessa).

giorgione varano giorgione varano

Cambio di posate ad ogni portata e pane sempre in tavola dall’inizio alla fine del pasto perchè viene continuamente rifornito grazie al servizio rapido ma mai invadente.

Io sono allergica alla carne di maiale e vegetariana quindi ho subito sperimentato i miei amati primi ed in particolare la pasta con brunoise di verdure e ricotta affumica che si è rivelata davvero squisita, ben condita e cotta alla perfezione, ma i miei commensali hanno assaggiato anche i salumi defininedoli davvero ottimi.

Come ottimi si sono rivelati gli altri piatti “testati”: tagliatelle al sugo di lepreravioli con ricotta ed erbette, le mie adorate verdure alla griglia e il sorbetto “della casa” molto cremoso e simile ad un gelato.

Per concludere, in bellezza direi, insime al caffè sono arrivati dei buonissimi biscottini di pasta frolla senza ombra di dubbio fatti in casa per deliziarci proprio fino alla fine (inutile dire che non è avanzato nemmeno uno!).

Conto totale, con in tavola solo acqua, 91 euro in 4 praticamente pochissimo vista la
qualità dei prodotti e della cucina.

Assolutamente da provare!

Architetto, insegnante di storia dell'arte e instancabile viaggiatrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *