San Miniato al Monte compie 1000 anni

Dall’alto domina e veglia su Firenze con i suoi marmi bianco di Carrara e verde di Prato: è San Miniato al Monte che quest’anno compie 1000 anni e li festeggia con un ricchissimo programma di eventi fino alla primavera 2019.



Haec est Porta Coeli ossia “questa è la Porta del Cielo, così è scritto sulla porta Santa a lato dell’ingresso principale ed infatti, immersa nella quieta e nel silenzio, San Miniato al Monte sembra davvero ad un passo dal cielo e porta i visitatori in una dimensione di mistico distacco dalla realtà.

L’ho vista per la prima volta nel 2015, la mia prima volta a Firenze ( e si vede che ancora le foto le facevo malissimo!!!), ma tanta era la bellezza e l’emozione che si prova lassù che ci sono tornata anche l’anno successivo (la mia seconda visita alla bella Firenze).
La costruzione di San Miniato al Monte inizia nel 1013 per volere del Vescovo Ildebrando ma la consacrazione ufficiale della chiesa avverrà solo nel 1018: lo stile è tipico del romanico fiorentino con intarsi in marmo bianco e verde, 5 arcate cieche in facciata che poggiano su semicolonne dal capitello corinzio, una finestra ad edicola al centro della parte superiore della facciata tripartita.
Anche l’interno è  tipico impianto romanico suddiviso in tre livelli: le navate, la cripta e il coro.

Per celebrare i 1000 anni di San Miniato i fiorentini hanno messo in programma un ricco cartello di eventi (trovate uno dei tanti approfondimenti QUI) tra cui i concerti-meditazione di violoncello il 15 e 16 settembre,  il concerto dell’Orchestra Regionale Toscana il 27 settembre o la prima esecuzione assoluta della Passio Miniatis il 25 ottobre.

Per dormire a Firenze vi consiglio assolutamente Casa Bruni (trovate il post qui) e presto arriveranno anche i consigli per mangiare.

Architetto, insegnante di storia dell'arte e instancabile viaggiatrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *